Non avere nulla da perdere su Facebook: il limite cognitivo del web

Non avere nulla da perdere su Facebook: il limite cognitivo del web